4a° Domenica d’Avvento 2010

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
A un passo dal Natale, la quarta domenica di Avvento ci fa varcare la porta del mistero che avvolge la vita di Giuseppe, sposo di Maria. Discendente di Davide, Giuseppe è chiamato ad assumere la paternità di un bambino di cui non è genitore. Ma come è possibile? E cosa vuol dire questa nascita misteriosa per un giusto d’Israele? Sarà la lapidazione della sposa infedele il risultato della giustizia di Giuseppe (cfr. Dt 22,22-26)? Giuseppe è giusto, ma con una connotazione molto più ampia di quella di “fedele esecutore della Legge”. È giusto perché, contemplando la presenza operante di Dio negli eventi della storia, ha il coraggio di mettersi da parte affinché Maria sia libera di dire sì a Dio. Egli si fa obbediente a ciò che è frutto dello Spirito in lei, lasciando a Dio di continuare a essere il Padre capace di chiamare «all’esistenza le cose che non esistono» (Rm 4,17), così come fu all’inizio del mondo: «In principio Dio creò…» (Gen 1,1).

E Dio crea passando attraverso il grembo di una donna e il cuore di un uomo che ha il compito di dare il nome: «… darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù» (Mt 1,21). Giuseppe dovrà dare al bambino quel nome che Dio ha scelto per lui. Dare il nome scelto da Dio fa di Giuseppe un padre. È padre colui che ama talmente Dio da farsi voce e strumento di Dio per le persone a lui affidate. Giuseppe, “figlio di Davide”, è nato per dire al mondo che Dio si chiama Gesù e che Gesù vuol dire “amore che salva”. Questo nome è ciò che ci rimane di Giuseppe. “Gesù” è l’unica parola implicita detta da lui nei Vangeli, tutto il resto è assoluto silenzio. La verità di Giuseppe è racchiusa nel «nome che è al di sopra di ogni nome» (Fil 2,9), annunziato dai profeti (cfr. Is 7,14), donato dagli apostoli: «Non possiedo né argento né oro, ma quello che ho te lo do: nel nome di Gesù Cristo, il Nazareno, alzati e cammina!» (Atti 3,6). In Gesù, Dio diventa l’Emmanuele: “il Dio con noi” che si fa presente e ci salva in ogni luogo dello spazio e in ogni ora del tempo.


Allegati