Il web compie 50 anni

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un meraviglioso esempio di collaborazione tra militari, hacker e accademici. Oggi il www è la piattaforma di comunicazione che connette il mondo. E non fu pensato per la guerra. Nato in realtà per una biblioteca universale, l’Intergalactic Computer Network.

Il collegamento fra i primi due nodi della rete venne infatti realizzato tra l’università di Los Angeles e quella di Stanford nel 1969. Era l’inizio di un sogno a lungo desiderato dai suoi progettisti all’Arpa, l’Advanced research projects agency, quello di una biblioteca universale consultabile da chiunque a da qualsiasi posto, secondo il progetto di un giovane psicologo, Joseph Robnett Licklider, su come dovessero essere le biblioteche nel futuro.

Lo stesso sogno della biblioteca universale che guidò la mano di Tim Berners Lee quando progettò il Web nel 1989 per consentire ai ricercatori del Cern di Ginevra di accedere a tutte le conoscenze necessarie per far avanzare la cultura scientifica. Un’idea che realizzò creando il linguaggio ipertestuale che oggi ci permette di sfogliare le pagine web come fossero un libro, interattivo e multimediale. Fu però Larry Roberts, a realizzare il sogno di Licklider. Suo successore a capo dell’ufficio incaricato di realizzarne il progetto, sviluppò l’idea dell’Arpa Net, la rete di computer dell’Arpa. Era il 1967. L’idea di Roberts era di creare una rete distribuita di computer per evitare gli spostamenti umani e usare le risorse di calcolo laddove c’erano già, ma dovette risolvere vari problemi per collegare i computer attraverso una normale linea telefonica, traducendo il linguaggio di macchine diverse e far viaggiare i bit senza perderli.