ITALIA
Un libro sospeso per i carcerati

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

La Libreria Paoline di Brescia, in collaborazione con la rivista Missione Oggi e l’Associazione Progetto Vangelo, lancia un’iniziativa solidale per tutto il periodo di Quaresima.

L’idea del libro sospeso per i detenuti funziona come il caffè sospeso a Napoli: nella città partenopea si va al bar, si prende un caffè e se ne pagano due, destinando il secondo a un bisognoso. Nel caso del libro sospeso, si entra nella Libreria Paoline, si acquista un libro in più e lo si lascia in un apposito contenitore, non dimenticando di scrivere una dedica!. Saranno poi operatori e cappellani delle carceri a ritirare i libri donati e a consegnarli ai detenuti.

Un libro può aiutare chi è costretto in carcere a evadere – anche se per poco – dalla dura realtà in cui si trova e a immedesimarsi in ciò che legge. Un libro può aiutare a ritrovare la propria strada. Un libro può cambiare la vita.