Pentecoste 2011

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
SPEGNIMENTO DEL CERO PASQUALE

Terminata l’orazione alla fine dei Secondi Vespri la guida fa una
breve introduzione alla liturgia della luce.

Guida:
Sorelle, nella notte che ha dato vita al “lietissimo spazio” del tempo Pasquale, il giorno di cinquanta giorni, all’accensione del Cero abbiamo acclamato a Cristo nostra Luce. E la luce del Cero pasquale ci ha accompagnato in questi cinquanta giorni e ha contribuito non poco a farci ricordare la grande realtà del mistero pasquale. Oggi, nel giorno di Pentecoste, al chiudersi del tempo di Pasqua, il Cero viene spento. Questo segno ci è tolto, anche perché, allenate alla scuola pasquale del Maestro Risorto e infuocate dal dono dello Spirito Santo, ormai dobbiamo essere noi “Luce di Cristo” che si irradia e che come colonna luminosa passa nel mondo per guidare le sorelle e i fratelli nell’esodo verso la “terra promessa”. Vedremo ancora, nel corso dell’anno liturgico, risplendere la luce del Cero pasquale soprattutto in due importanti momenti del cammino della Chiesa: per la prima Pasqua che vivranno i suoi figli col Battesimo, e per l’ultima Pasqua, quando, con la morte, faranno ingresso nella vera vita.

Assemblea:
O luce radiosa,
                        eterno splendore del Padre, Cristo Signore immortale.

Lettrice:
O Sole di giustizia, raggio benedetto, prima fonte di luce, o ardentemente desiderato, al di sopra di tutto; gioia del bene, visione di speranza soddisfatta, Cristo creatore, Re della gloria, certezza di vita, colma i vuoti della nostra voce con la tua Parola onnipotente e offrila come supplica gradita al Padre tuo altissimo.

Assemblea:
O luce radiosa,
                        eterno splendore del Padre, Cristo Signore immortale.

Lettrice:
Splendore della gloria del Padre, che diffondi il chiarore della vera luce, raggio della luce, fonte di ogni splendore. Tu, giorno che illumini il giorno, Tu vero sole, infondi nei nostri sensi la fiamma del tuo Spirito.

Assemblea:
O luce radiosa,
                        eterno splendore del Padre, Cristo Signore immortale.

Lettrice:
Tu sei la lampada della casa paterna che illumina di luce soffusa.
                 Tu sei il sole di giustizia, il giorno che mai volge al tramonto, la luminosa stella del mattino.

Assemblea:
O luce radiosa,
eterno splendore del Padre, Cristo Signore immortale.

Lettrice:
Tu del mondo sei il vero datore di luce, più luminoso del pieno sole, tutto luce e giorno, illumini i profondi sentimenti del nostro cuore.

Assemblea:
O luce radiosa,
                        eterno splendore del Padre, Cristo Signore immortale.
Assemblea: O Luce dei miei occhi, dolce Signore, difesa dei miei giorni, illumina Signore, il mio cammino, Tu sola speranza nella lunga notte.
                        O viva fiamma della mia lucerna; o Dio, mia luce.

Assemblea:
O luce radiosa,
                        eterno splendore del Padre, Cristo Signore immortale.
Mentre si canta l’ultima acclamazione, una sorella spegne il Cero pasquale e, subito dopo, si proclama l’orazione.

Guida:
Degnati, o Cristo, dolcissimo nostro Salvatore, di accendere le nostre lampade; costantemente rifulgano nel tuo tempio alimentate da te che sei la luce eterna. Siano rischiarati gli angoli oscuri del nostro spirito e siano allontanate da noi le tenebre del mondo. Fa’ che vediamo, contempliamo, desideriamo te solo, te solo amiamo, sempre in attesa operosa di te, che vivi e regni nei secoli dei secoli.  Amen.
In canto:

                Regina coeli, laetare, allelùia:
Quia quem meruisti portare, allelùia,
Resurrexit, sicut dixit, allelùia.
Ora prò nobis Deum, allelùia.