versione accessibile | mappa del sito | contatti
Torna all'Home Page
Giovedì 24 Aprile 2014
 Incontro Continentale » In breve » Indicazioni pastorali per l'Anno della Fede 
Indicazioni pastorali per l'Anno della Fede   versione testuale






La Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato la nota contenente le indicazioni pastorali per la celebrazione dell’Anno della Fede, proclamato da Benedetto XVI con la lettera apostolica Porta fidei dell’11 ottobre 2011. L’anno della Fede aprirà l’11 ottobre 2012, nel cinquantesimo anniversario dell’apertura del Concilio Ecumenico Vaticano II, e terminerà il 24 novembre 2013, Solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo. Un’altra ricorrenza cade nell’anno della Fede, e cioè la pubblicazione del Catechismo universale della Chiesa cattolica.
 
La Nota propone vari spunti alle Conferenze episcopali, che potranno dedicare una giornata di studio al tema della fede, della sua testimonianza personale e della sua trasmissione alle nuove generazioni. Si consiglia uno sforzo rinnovato per tradurre i documenti del Concilio Vaticano II e il Catechismo della Chiesa Cattolica nelle lingue nelle quali ancora non esistono. Si incoraggiano iniziative di sostegno caritativo per tali traduzioni nelle lingue locali dei Paesi in terra di missione, dove le Chiese particolari non possono gestirne le spese, uno sforzo condotto sotto la guida della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli.
 
Inoltre i vescovi, attingendo ai nuovi linguaggi della comunicazione, dovrebbero impegnarsi per promuovere trasmissioni televisive o radiofoniche, film e pubblicazioni, anche a livello popolare e accessibili a un ampio pubblico, sul tema della fede, dei suoi principi e contenuti, nonché sul significato ecclesiale del Concilio Vaticano II. E dal momento che il mondo contemporaneo è sensibile al rapporto tra fede e arte la Nota raccomanda di valorizzare adeguatamente, in funzione catechetica ed eventualmente in collaborazione ecumenica, il patrimonio delle opere d’arte reperibili nei luoghi affidati alla loro cura pastorale.