cerca nel sito
 Paoline (italiano) » Progetti di solidarietà nel mondo » Africa » Edizione della bibbia in lingua malgascia per il Madagascar 
condividi Facebook  Twitter  Google +  stampa
Edizione della bibbia in lingua malgascia per il Madagascar   versione testuale

  • Realtà Socio-politica del Paese

    Il Paese conta circa 19 milioni di abitanti, con una crescita annuale del 2,7 %. Con un impegno agricolo pari al 73, 2 %. Il paese deve fare i conti con una grande piaga sociale: la mortalità infantile. Tra il 2005 – 2010 si stima che siano morti il 65,5% dei bambini appena nati.

    Nel 2002, con la fine del regime del Presidente Ratsiraka, il paese si è ritrovato in una nuova crisi che nel gennaio 2009, sotto forma di colpo di stato, ha rimosso il presidente in carica: Marc Ravalomanana, che ha dovuto lasciare il Paese per dare spazio ad un Governo di transizione. Questa crisi socio-politica ha influenzato sia le elezioni legislative che quelle Presidenziali. Tale instabilità politica ha generato una grandissima povertà ed una recessione alimentare che pesa a svantaggio dei più poveri. La disoccupazione ha raggiunto tassi molto elevati.

    L’analfabetismo tra gli uomini arriva al 23,5 % e tra le donne al 34,7. La media di scolarizzazione è di circa 6 anni, per cui esiste  una realtà di semi-analfabetismo molto estesa. E solamente il 5,4 % della popolazione può accedere al internet.
     
  • Realtà Ecclesiale

    Il 25 % della popolazione malgascia è di fede cattolica. Il territorio è diviso in 21 diocesi. La Chiesa locale è a tutt’oggi “dipendente” dalla presenza dei molti sacerdoti missionari, sebbene stiano crescendo le vocazioni locali sia nel clero diocesano sia negli Istituti religiosi. E’ una chiesa molto vicina alla gente, con un impegno incentrato sul piano pastorale, nell’opera di evangelizzazione, nel dialogo ecumenico, nella promozione della salute e della donna, nell’area rurale e nei Mass-media.
     
  • La Bibbia in lingua Malgascia

    La prima copia della Bibbia in lingua malgascia è stata stampata nel 1938. I Vescovi affidarono l’opera ai Padri Gesuiti missionari che furono sostenuti da vari catechisti malgasci. Successivamente, nel 1982 il Cardinal Victor Razafimahatratra affidò la stampa della Bibbia alle Suore Missionarie di San Pietro Claver. Ed in seguito, la ristampa è stata realizzata dalla Società Biblica Internazionale.

    Giunti ormai nella seconda decade degli anni duemila, e visto che i cristiani malgasci da quasi 2 anni non hanno la possibilità di acquistare la Bibbia e visto che ormai da decenni la società Biblica non opera una nuova ristampa del testo Sacro, la Conferenza Episcopale locale ha deciso di dare inizio ad un nuovo progetto di ristampa della Bibbia, rispondendo all’appello del Sinodo sulla Parola di Dio che ha invitato tutti i fedeli a leggere e a conoscere le sacre Scritture.

    La Conferenza episcopale del Madagascar ha chiesto alle Figlie di San Paolo di assumere l’importante incarico di realizzare una nuova edizione della Bibbia in Lingua malgascia. A loro hanno affidato la responsabilità di attualizzare i testi, rivedere l’impaginazione, provvedere alla stampa e alla diffusione della Bibbia in tutto il Paese.
     
  • Le Figlie di san Paolo in Madagascar

    Le Figlie di san Paolo sono arrivate in Madagascar nel 1983 e si sono subito impegnate nell’edizione in lingua malgascio di diversi libri per la catechesi e per la formazione. La scelta di prediligere la stampa nella lingua locale è stata fatta per permettere ad un numero maggior di persone di fruire dei testi e per valorizzare il patrimonio culturale di questa popolazione.

    La casa Editrice Edisiona Md Paoly è ben strutturata ed è organizzata sia nell’aspetto creativo sia in quello della diffusione e per questo gode della stima della Conferenza Episcopale Malgascia, degli educatori e degli Agenti pastorali.

    Negli ultimi mesi, con l’aiuto del Padre Gesuita: Père Bonaventure Ramboasolomanana, noto biblista ed esperto della lingua malgascia, e con il sostegno di persone competenti, si è realizzato un lavoro di ri-lettura, adattamento e correzione della prima Bibbia (1938), per offrire al popolo un testo in stile più moderno e con linguaggio attualizzato. Purtroppo, a causa dell’attuale realtà sociale, politica ed economica, la maggior parte della popolazione non ha la possibilità di acquistare la Bibbia al prezzo reale di stampa. Quindi, la Chiesa locale, attraverso la mediazione delle Figlie di San Paolo, ha presentato la richiesta di aiuto a sostegno della casa editrice per fissare un prezzo di vendita più economico.
  • Obiettivo del progetto

    Permettere un’ampia diffusione della Parola di Dio affinché sia l’alimento della fede e della speranza  di tutta la popolazione cristiana di lingua malgascia  (cattolici e non), facilitandone l’acquisto ad un prezzo economico.

    NOTA: Per l’alto costo del progetto della stampa della Bibbia in lingua malgascia si è deciso presenta il piano di lavoro a diverse Agenzie di Aiuto.
  • Costo totale del Progetto:

     Lavoro di correzione (2 anni) e impaginazione  € 6.000
     Rilettura (3 docenti) € 1.800
     Illustrazioni, mappe e copertina  € 1.200
     Stampa  € 95.000
    Spedizione, dogana e altre imposte locali  € 10.500
     SPESE TOTALI:  € 114.500
     
  
                   
 

 
Proiezioni per il futuro:

Per assicurare la prossima edizione del testo della Bibbia e la continuità dell’azione Pastorale si vede la necessita di creare un FONDO PRO – RISTAMPA. Per questo, con il consenso della Conferenza Episcopale venderemo il testo della Bibbia  al prezzo di 15.000 Ar. (Moneta locale), pari a € 5,00 per copia, in modo che il popolo malgascio sia coinvolto e responsabilizzato sia attraverso il pagamento di una somma modesta per avere il Testo Sacro, sia per contribuire alla sua diffusione nei prossimi anni .

Dalla vendita delle 20.000 copie prevediamo ricavare un FONDO di:
  € 60.000

 L’Associazione Comunicazione e Cultura Paoline Onlus invita i propri soci e tutti coloro che volessero a sostenere economicamente il progetto.