cerca nel sito
 Paoline (italiano) » Eventi » Incontri continentali di apostolato-economia » Continente Americano » Informazioni » 13 Agosto 
condividi Facebook  Twitter  Google +  stampa
13 Agosto   versione testuale
 
São Paulo, 13 agosto 2011
Carissime sorelle,

abbiamo dedicato questa giornata all’approfondimento della ridisegnazione dell’economia in relazione all’apostolato, un “matrimonio” necessario ma spesso difficile da vivere.

E infatti, sr. Annamaria Gasser, a premessa della sua relazione, ci ha messo in guardia: «Forse siamo abituate a pensare all’economia come a un fattore accessorio, a volte marginale, oppure a relegarla all’aspetto puramente tecnico-contabile, quasi di inferiorità nei confronti della gestione delle nostre attività». In realtà il fattore economico incide, e spesso condiziona, le nostre scelte apostoliche. Dopo un rapido excursus delle principali teorie economiche che hanno guidato il sistema economico negli ultimi due secoli, sr. Annamaria ci ha invitate a metterci in ascolto del recente magistero della Chiesa sui temi socio-economici e a riflettere su quali possano essere le attualizzazioni per noi e per le nostre attività. L’aspetto “etico” dell’economia – che è trasparenza, giustizia, carità, condivisione, fraternità − deve interrogarci. L’appello è quello di modificare alcuni parametri del nostro agire se vogliamo non solo mantenere, ma anche ampliare e dare sviluppo alle nostre attività, ricordando che «non esistono modelli economici vincenti senza valori forti etici. È attraverso questa visione di economia che passa la nostra storia e la nostra vita di santificazione».

Anche per l’economa generale, non possiamo prescindere dalla stretta relazione che esiste tra economia e apostolato. Dando continuità alle riflessioni già avviate in altri contesti, sr. M. Gabriella Santon ha evidenziato la necessità di ristabilire un sano e “paolino” equilibrio tra apostolato ed economia, perché «non possiamo dimenticare che l’economia è al servizio dell’apostolato e l’apostolato dà continuità e solidità all’economia». Occorre quindi crescere nella logica e nella pratica di una saggia amministrazione, che è essenzialmente: collaborazione e coordinamento tra i settori apostolici; ricerca del giusto equilibrio tra ricavi e costi; buona organizzazione. Come Don Alberione insegnava, occorre amministrare «secondo i principi di Gesù e di Paolo. Dobbiamo tener conto di tutto ciò che Iddio ha già provveduto... Ogni invenzione è un capitolo di lode a Dio, è una scoperta di ciò che Dio ha messo nella natura. E quante cose ha messo in noi, che non utilizziamo abbastanza! Non utilizziamo abbastanza la fantasia, il cuore, la mente, le relazioni con il prossimo. Non utilizziamo specialmente tutti i mezzi che la Provvidenza ci ha dato per il nostro apostolato. Il Signore ha messo davanti a noi dei tesori, e più ancora ce ne sono dentro di noi, tesori che non sappiamo nemmeno sempre scoprire» (FSP55, p. 554).

Il pomeriggio è stato dedicato al laboratorio su Economia e Redditività, per acquisire una mentalità dinamica e produttiva nell’esercizio dell’apostolato diffusivo e un metodo di lavoro in termini di previsione-investimento, valutazione e controllo. La metodologia usata è quella dei “casi studio”, che aprono al dibattito e guidano alla convergenza e alla formulazione di proposte concrete, da inserire nel Progetto apostolico.

E verso sera, è stata aperta ufficialmente la Mini-Fiera dei prodotti “Paoline” del Continente Americano. Bellissima!
 
sr. Anna Caiazza